24/01/2020 18:00:57

comunicati

Progettone, i limiti di residenza non sono la soluzione

Cgil Cisl Uil contro l'ipotesi paventata dall’assessore Spinelli di irrigidire i criteri per l'accesso alla misura

“Non è a colpi di demqgogia che si può riformare una misura come il Progettone, lasciando del tutto irrisolti i nodi critici”. Per Cgil Cisl Uil pensare di irrigidire i criteri di residenza (oggi fissati a 5 anni in Trentino) per accedere alla misura è una scelta che non affronta i problemi dei lavoratori “anziani” che perdono l’occupazione, in quanto l’accesso al Progettone ordinario avviene già sulla base dei requisiti pensionistici stringenti che sono stati rivisti e limitati nel corso degli anni. La questione della residenza, dunque, non risolve in alcun modo le questioni aperte. Per questa ragione i sindacati bocciano l’ipotesi annunciata oggi dall’assessore Spinelli. “Abbiamo sempre manifestato la nostra disponibilità a rivedere i criteri del Progettone – dicono Manuela Faggioni, Michele Bezzi e Walter Alotti - anche nella logica di assicurarne la sostenibilità negli anni futuri, ma per farlo non si possono adottare soluzioni semplicistiche”. L’introduzione di limiti più rigidi ai criteri di residenza in Trentino, oltre a non dare risposte a chi cerca un reinserimento occupazionale, apre questioni spinose sul fronte della costituzionalità.

“Le questioni vere su cui bisognerebbe lavorare sono altre – sottolineano i tre sindacalisti -. A cominciare dalla necessità di garantire misure efficaci per la ricollocazione dei lavoratori senior nel mercato del lavoro ordinario, favorendo con interventi ad hoc le aziende che mantengono o assumono addetti over 50”.

In secondo luogo, secondo Cgil Cisl Uil “i lavoratori del Progettone vanno incentivati a trovare una nuove opportunità di occupazione, anche al di fuori del sistema dei lavori socialmente utili, grazie a servizi per l’impiego personalizzati”.

Per i sindacati, infine, è indispensabile garantire una regia organica a tutto il sistema dei lavori socialmente utili. “Progettone, Progettone stagionale  Intervento 19 devono essere coordinati sotto la guida di Agenzia del Lavoro, che potrebbe gestire la presa in carico e i progetti di ricollocamento in maniera più efficace”. Su questi temi il sindacato ribadisce la propria disponibilità al confronto e a portare il proprio contributo. “La giunta, però, sgombri il campo da ipotesi come quello dei dieci anni di residenza che sono solo demagogiche e non risolvono nulla”, concludono Faggioni, Bezzi e Alotti.

 

Trento, 24 gennaio 2020

 




quest'articolo è stato letto 189 volte

Cerca


NEWSLETTER
vuoi ricevere le nostre
NEWS?
inviaci la tua e-mail
premendo il tasto "accetto" si acconsente al trattamento dei dati così come previsto dall'art.13 della legge 196/03 in materia di Tutela dei dati personali








  

CISL - USR

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori - Unione Sindacale Regionale

via Santa Croce, 61 - 38100 Trento

P.I. 80016160220 - Tel. 0461215111 - Fax 0461237458

È vietata la riproduzione anche parziale dei testi, senza citare la fonte: www.cisltn.it Copyright © 2006

Le immagini sono dei rispettivi proprietari

INSERISCI LE NOSTRE NOTIZIE NEL TUO SITO

WEB-STYLE