05/02/2020 18:34:32

comunicati

Socio-assistenziale. Il nuovo catalogo dei servizi tuteli lavoro e utenti

Oggi il documento al vaglio del Consiglio delle Autonomie locali, insieme alle linee guida sugli affidamenti. In ballo il futuro di 9 mila addetti.

Il nuovo catalogo dei servizi socio-assistenziali dovrà rispondere alle mutate esigenze delle famiglie e degli utenti, garantendo qualità del servizio e anche le professionalità che oggi operano nel settore. Ne sono certi Cgil Cisl Uil. Oggi il documento è stato esaminato dal Consiglio delle Autonomie locali e a breve approderà in giunta provinciale per l’approvazione definitiva. In ballo c’è il futuro di 9mila addetti che si occupano degli anziani, dei minori, delle persone disabili e dei soggetti più fragili per la nostra comunità.

Per le tre confederazioni il catalogo dovrà innalzare i requisiti professionali e i livelli delle prestazioni per venire incontro alle esigenze di un’utenza che esprime nuovi bisogni, ma anche per valorizzare le competenze degli operatori sociali e migliorare la qualità del servizio offerto dagli Enti del Terzo settore. Ciò ovviamente non dovrà avvenire a danno di chi oggi opera già nel settore: costoro potranno infatti continuare a lavorare nell’assistenza grazie all’esperienza maturata sul campo, anche senza titoli di studio specifici, così come stabilito dal regolamento provinciale sull’accreditamento. Al contrario sulle nuove assunzioni, secondo il sindacato,  devono essere introdotti requisiti di professionalità come l’iscrizione agli albi professionali, sotto ogni forma e quindi anche negli elenchi speciali, e titoli di studio coerenti con le attività svolte. Per tutti gli operatori dell’assistenza, inoltre, bisogna definire un sistema di certificazione delle competenze e va rafforzata la formazione continua.

Accanto alla questione del personale c’è il tema degli affidamenti dei servizi, che valgono in Trentino 90 milioni di euro ogni anno. Su questo punto la posizione di Cgil Cisl Uil è netta: l’appalto dovrà essere solo la modalità residuale per l’affidamento dei servizi. Esistono altri meccanismi più innovativi (le rette, la co-progettazione, la co-programmazione) che vanno promossi e possono garantire in modo migliore sia l’innovatività dei servizi, sia la dignità del lavoro. E nel caso in cui si decidesse di ricorrere alle gare, queste dovranno essere costruite sulla base della sola offerta tecnica, sterilizzando la variabile prezzo. L’esperienza insegna che gare costruite sull’offerta economicamente più vantaggiosa, scaricano il “risparmio” sul taglio del costo del lavoro e sul ridimensionamento, inevitabile, della qualità del servizio.

 

Trento, 5 febbraio 2020.

 




quest'articolo è stato letto 108 volte

Cerca


NEWSLETTER
vuoi ricevere le nostre
NEWS?
inviaci la tua e-mail
premendo il tasto "accetto" si acconsente al trattamento dei dati così come previsto dall'art.13 della legge 196/03 in materia di Tutela dei dati personali








  

CISL - USR

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori - Unione Sindacale Regionale

via Santa Croce, 61 - 38100 Trento

P.I. 80016160220 - Tel. 0461215111 - Fax 0461237458

È vietata la riproduzione anche parziale dei testi, senza citare la fonte: www.cisltn.it Copyright © 2006

Le immagini sono dei rispettivi proprietari

INSERISCI LE NOSTRE NOTIZIE NEL TUO SITO

WEB-STYLE