02/04/2020 17:55:58

comunicati

Indennità di 600 euro, 10mila domande ai patronati trentini

Uffici in affanno per l'enorme mole di richieste in poche ore, ma nessuno verrà lasciato indietro

Sono circa 10mila le mail che tra ieri e oggi a mezzogiorno sono arrivate alle caselle dei patronati trentini per chiedere l’indennità di 600 euro prevista dal decreto Cura Italia. Una mole di richieste che ha messo in seria difficoltà gli uffici su tutto il territorio. A complicare la situazione i problemi sul sito dell’Inps, che a questo momento non sono stati ancora risolti e che impediscono di lavorare come si dovrebbe. Le pratiche, inoltre, vengono lavorate da remoto perché quasi tutti gli operatori sono in telelavoro e questo allunga ancora un po’ i tempi.

I patronati trentini, comunque, invitano tutti coloro che hanno fatto richiesta ad avere pazienza: nessuna delle domande verrà lasciata indietro e tutte le richieste verranno esaminate e inviate all’Inps. A causa delle tantissime richieste ci vorranno, però, almeno dieci giorni per completare l’esame delle pratiche. Se dall’esame dei patronati emergeranno carenze di documentazione gli utenti verranno contattati per le integrazioni necessarie. I patronati nonostante le molte difficoltà restano a disposizione dei cittadini, facendosi carico gratuitamente di quanto il Servizio Pubblico non riesce a garantire in modo adeguato ai bisogni dei cittadini.

E’ fondamentale, inoltre, che tutti gli utenti evitino i doppi invii: è successo in più casi che la stessa persona abbia scritto a più patronati, come è emerso nel momento in cui la domanda è stata inoltrata all’Inps. Questo intasa le procedure e rallenta tutti. Ricordiamo che l’indennità speciale di 600 euro è relativa al mese di marzo e riguarda tra gli altri i professionisti con partita Iva, gli autonomi, gli stagionali del turismo, gli operai agricoli a tempo determinato e i lavoratori dello spettacolo, i collaboratori coordinati continuativi, mentre restano escluse le collaborazioni occasionali.

Infine i patronati si augurano che, dopo le rassicurazioni circa la copertura dei fondi diffuse ieri dall'INPS e dal Governo e l’annunciato potenziamento degli strumenti per il prossimo mese, si immaginino meccanismi che tengano già conto delle richieste inviate a marzo, senza dover costringere tutti a ripresentare istanze, riproponendo così la caotica situazione che stiamo vivendo.

 

Trento, 2 aprile 2020




quest'articolo è stato letto 79 volte

Cerca


NEWSLETTER
vuoi ricevere le nostre
NEWS?
inviaci la tua e-mail
premendo il tasto "accetto" si acconsente al trattamento dei dati così come previsto dall'art.13 della legge 196/03 in materia di Tutela dei dati personali








  

CISL - USR

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori - Unione Sindacale Regionale

via Santa Croce, 61 - 38100 Trento

P.I. 80016160220 - Tel. 0461215111 - Fax 0461237458

È vietata la riproduzione anche parziale dei testi, senza citare la fonte: www.cisltn.it Copyright © 2006

Le immagini sono dei rispettivi proprietari

INSERISCI LE NOSTRE NOTIZIE NEL TUO SITO

WEB-STYLE