26/04/2020 19:25:19

comunicati

Manovra COVID-19. "Delle giustificazioni di Spinelli i lavoratori non se ne fanno nulla"

"Con le chiacchiere dell’assessore Spinelli i lavoratori stagionali, i precari e i disoccupati non pagano l’affitto e non vanno a fare la spesa né direttamente, né indirettamente". Rispondono così i segretari generali di CGIL CISL UIL del Trentino, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti all'assessore provinciale allo sviluppo economico e al lavoro che oggi sostiene che gli interventi di sussidio alle imprese servono "indirettamente" a tutelare 100.000 lavoratori dipendenti.

"Comprendiamo l’imbarazzo dell'assessore Spinelli - proseguono i sindacalisti - nel dover giustificare una manovra del tutto squilibrata ma non serve provare ad arrampicarsi sugli specchi perché sono i freddi numeri e il confronto con i cugini altoatesini a sbugiardare l'assessore. Bolzano garantisce 20 milioni di euro agli stagionali del turismo e Trento 5 milioni. E se tutti i 15.000 stagionali trentini che oggi vivono solo con la disoccupazione o con l’intervento statale del Cura Italia chiederanno aiuto alla Provincia riceveranno in media 330 euro una tantum in attesa che forse il turismo riparta davvero. Mentre solo a fondo perduto i piccoli imprenditori trentini riceveranno fino a 6.500 euro che sommati agli altri benefici potranno arrivare come minimo a 34.000 euro, senza dover dichiarare nulla, senza avere obblighi occupazionali reali, perché lo stesso Spinelli ha precisato che in base all'andamento del settore queste imprese potranno pure licenziare. Dire poi che la Provincia investe 80 milioni di euro ogni anno omettendo che di questi soldi beneficiano allo stesso modo lavoratori autonomi e lavoratori dipendenti è un altro tentativo di mascherare la realtà. Infine prima di parlare delle tasse pagate dalle imprese, bisognerebbe fare un serio confronto con quelle pagate alla fonte e senza possibilità di evadere dai 190.000 lavoratori dipendenti ai quali la Giunta Fugatti ha aumentato le tasse. Siamo pronti a vedere il risultato.

"Non siamo mai stati contrari a sostenere le imprese in questo frangente e siamo stati i primi a chiedere maggiori linee di credito per garantire liquidità. Ma ci sono anche i lavoratori colpiti dalla crisi e le lore famiglie. E la Giunta nei fatti di loro si è completamente disinteressata".

 

Trento, 26 aprile 2020

 




quest'articolo è stato letto 114 volte

Cerca


NEWSLETTER
vuoi ricevere le nostre
NEWS?
inviaci la tua e-mail
premendo il tasto "accetto" si acconsente al trattamento dei dati così come previsto dall'art.13 della legge 196/03 in materia di Tutela dei dati personali








  

CISL - USR

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori - Unione Sindacale Regionale

via Santa Croce, 61 - 38100 Trento

P.I. 80016160220 - Tel. 0461215111 - Fax 0461237458

È vietata la riproduzione anche parziale dei testi, senza citare la fonte: www.cisltn.it Copyright © 2006

Le immagini sono dei rispettivi proprietari

INSERISCI LE NOSTRE NOTIZIE NEL TUO SITO

WEB-STYLE