17/12/2009 21:25:47

assemblee

ACQUISTARE L’AUTO SENZA SORPRESE TUTTI I CONSIGLI DI ADICONSUM

17 dicembre 2009


Un trentino su due possiede una macchina, ma in molti lamentano problemi al momento dell'acquisto. “Più tutele se si “tratta” con professionisti”

Come fare ad acquistare una macchina, nuova o usata, senza sorprese? Sicuri che l'auto sia conforme al contratto stipulato? A maggior ragione negli ultimi anni, con il quadro normativo che è rapidamente e significativamente cambiato? Su questi temi si è interrogata l'Adiconsum, l'associazione dei consumatori legata alla Cisl, con un convegno dal titolo “Il nuovo mondo dell'automobile” che si è svolto presso l'Hotel Sporting. “Per avere maggiori tutele – ha spiegato Raffaele Caracciolo, responsabile del settore auto dell'Adiconsum nazionale nonché uno dei massimi esperti d'auto in Italia – è meglio acquistare da un professionista che da un privato (quando si tratta di usato, ndr). Ciononostante in Italia il 60% di chi acquista un'auto usata lo fa tramite privati”. Caracciolo ha definito l'auto “un bene primario”. In effetti, nonostante in Trentino ci sia stato un calo delle immatricolazioni del 21% nel 2008 (dato più alto del Nord Est, legato comunque alla crisi economica e in linea col resto del paese), in Trentino c'è un'auto ogni due abitanti. Nel 2009 il mercato ha fatto segnare una lieve ma confortante ripresa e anche le proiezioni per il 2010 sono tutto sommato positive. D'altra parte, secondo i dati del ministero dei trasporti, l'83,7% degli italiani ha bisogno di muoversi ogni giorno ed in media effettua tre spostamenti quotidiani per una media di 34 chilometri percorsi giornalmente. Come? Appena il 10% utilizza mezzi pubblici. Il 90% quindi si muove in modo privato: c'è chi utilizzerà la bici, chi consumerà la suola delle scarpe e chi andrà in scooter, ma la maggior parte si sposta in automobile. Con i problemi d'inquinamento correlati, anche se Caracciolo non è ottimista sulle altre soluzione per inquinare meno che arrivano dalle auto elettriche (“come si possono smaltire le batterie?”), dalle auto a Gpl o metano (“se si diffonde il sistema il costo aumenterà come quello della benzina”) o dell'idrogeno. L'auto resta comunque una priorità per gli italiani e per questo Adiconsum si sta muovendo, in diverse realtà, per “evitare che le vessazioni nei confronti dei consumatori da parte dei venditori diventino la regola”. Su questo, in apertura di convegno, si è espresso anche Vito Di Maio di Adiconsum del Trentino. “Dal 2002 – ha detto – abbiamo avuto diverse segnalazioni di consumatori che lamentavano la non conformità del prodotto acquistato con il contratto stipulato. Questo ci ha portato a diverse vertenze, anche difficili, e alla decisione di organizzare questo convegno informativo”. Un convegno sostenuto anche dall'assessorato provinciale all'industria, rappresentato dal dirigente Claudio Barbacovi che ha sottolineato come “l'attività delle associazioni dei consumatori siano indispensabili per formare dei cittadini responsabili”. Prima dell'intervento conclusivo di Salvatore Conte, responsabile Adiconsum Cisl del Trentino, ha partecipato al dibattito anche Lorenzo Pomini, segretario generale della Cisl provinciale. “Il ruolo delle associazioni dei consumatori – ha detto – è come quello del sindacato ed è mutato nel tempo. Oggi non si devono tutelare solo gli associati, ma anche le aziende che operano bene, in modo corretto. Bisogna tutelare i venditori corretti e onesti rispetto ai furbi, così come il sindacato sostiene che si debbano premiare le imprese virtuose, che operano correttamente dal punto di vista della sicurezza sul lavoro, rispetto alle imprese “canaglia”. E' una questione culturale che è importante diffondere nel nostro paese”.

Cerca


NEWSLETTER
vuoi ricevere le nostre
NEWS?
inviaci la tua e-mail
premendo il tasto "accetto" si acconsente al trattamento dei dati così come previsto dall'art.13 della legge 196/03 in materia di Tutela dei dati personali








  

CISL - USR

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori - Unione Sindacale Regionale

via Santa Croce, 61 - 38100 Trento

P.I. 80016160220 - Tel. 0461215111 - Fax 0461237458

È vietata la riproduzione anche parziale dei testi, senza citare la fonte: www.cisltn.it Copyright © 2006

Le immagini sono dei rispettivi proprietari

INSERISCI LE NOSTRE NOTIZIE NEL TUO SITO

WEB-STYLE